Omaggio a Luna Rossa

08-06-2007

Fermatevi un momento.
Dedicate 5 minuti a questo quadro e a questa musica. Lo so, è tanto, ma è la durata del brano, che potrete lanciare cliccando sul player qui sotto (dopo aver fermato la musica di fondo, se l'avete avviata)







Fatelo, se volete, per ritrovare in voi stessi emozioni antiche, sensazioni epiche. Troverete l'essenza dello sport, la lotta dell'uomo per superare la forza della natura, in una eterna competizione con se stesso e con gli altri uomini.
Sentimenti nobili, che sconfineranno nella delusione bruciante, nell'amarezza della sconfitta, nel pianto nascosto, sottolineato da una musica che da epica diventa struggente.
Ma subito riprende il desiderio di riscatto, l'orgoglio dell'uomo battuto ma non vinto, la volontà di lottare ancora e di risorgere per la vittoria!

Arrivederci e grazie, Luna Rossa. 


Luna Rossa
Luna Rossa 
(Alfio Cioffi, acrilico su tela, 40 x 50)



Il Sahara libico - 1

19-10-2006


"Nel Sahara ciò che più colpisce il viaggiatore è lo spazio, la sua sensazione, la sua rappresentazione: quel susseguirsi di plaghe sabbiose, di isolotti rocciosi, di insenature appartate, di promontori, di creste, di dune, di orizzonti piatti e vuoti che non si raggiungono mai, di oggetti che appaiono senza esistere e di oggetti che esistono senza apparire. Si è colpiti da queste forme, da queste presenze arcane che si susseguono e che paiono preludere a qualche cosa di nuovo e di diverso, ma che in realtà non fanno che ripetersi, sempre nuovi e sempre diversi. Un ripetersi che dà il senso dello spazio, il senso del mistero, il senso della vastità del Sahara."


Ma andiamo per ordine. Siamo in Libia, in occasione dell'ultimo nostro incontro (con il Sahara, intendo). Tanta è la nostalgia dei precedenti viaggi nel deserto che quasi vorremmo sorvolare sulle bellezze che, invece, ci sentiamo in dovere di visitare: i due siti romani di Leptis Magna e Sabratha, nei dintorni di Tripoli. Non ce ne pentiamo. E subito la nostra fretta resta placata, non cesseremmo più di aggirarci tra le meraviglie che vediamo in questi luoghi. Sono uguagliate, nella nostra memoria, soltanto dai siti di Palmira in Siria e di Gerasa in Giordania.



avs007
Leptis Magna: Foro dei Severi




avs018
Leptis Magna: Il proscenio del Teatro



avs016
Leptis Magna: Il Mercato



avs047
Sabratha: Veduta del Tempio di Iside



avs051
Sabratha: Bassorilievo sul proscenio del Teatro



avs056
Sabratha: Statua alle Terme






 avs049
 Sabratha: Il Teatro


Ci siamo riempiti gli occhi con la vista di tante opere meravigliose, ma già sappiamo che nulla può eguagliare le opere della natura che vedremo in quello straordinario laboratorio che è il Sahara.
Abbiate pazienza, ci arriveremo presto.
Siamo pronti a partire:



avs033
Leptis Magna: La Palestra



(foto di Alfio Cioffi)