Yemen: profumo d'oriente - 5

02-01-2008


"E' questa la zona delle piazzeforti più incredibili della montagna yemenita: Manakhah, Al Hajjarah, con le loro case addossate, case torri, case mura, abbarbicate sui picchi e da questi ultimi determinate nella loro planimetria, baluardi inespugnabili contro ogni invasore.



Avs045


L'idea guida, alla base della topografia dei centri abitati, è infatti la necessità di difendersi. E' raro vedere case isolate sulle montagne dello Yemen, sono i villaggi che dominano il paesaggio.

Da lontano essi appaiono come un blocco unico, una fortezza, e solo avvicinandosi si scoprono le case, distinte le une dalle altre, anche se talvolta è difficile capire dove finisce la roccia e cominciano le abitazioni.

Pur rispondendo i vari villaggi ad una unità di concezione, grande è la varietà delle loro forme e decorazioni, ed è l'uso esclusivo dei materiali locali a conferire differenze e unità."



 
Avs054



Avs182



Avs183


 
Avs185


Ma a Kawkaban, nell'ombra della notte, lungo l'aspro sentiero che scende a Shibam, sono i suoni a dare sensazioni indicibili..... 
(per ascoltarli, avvia l'audiovisivo che trovi in fondo al post)



Avs189



Avs193



Avs199



Avs197_bis



Avs195



Avs202



Avs203

(foto di Alfio Cioffi)

La quinta parte dell'audiovisivo:




............continua............



Yemen: profumo d'oriente - 6

09-01-2008


"Thula, con la sua fortezza arroccata sulla cima di un bastione roccioso, è bellissima con le sue case grattacielo, a metà tra architettura e scultura.



dia151_bis



Avs213 



Il tempo pare si sia fermato, tutto sembra lontano, sicchè risulta naturale fermarsi presso una moschea, mentre il muezzin chiama alla grande preghiera del venerdì, osservare la gente che entra per pregare, e aspettare anche che esca. Del resto la curiosità è reciproca: noi osserviamo loro, loro osservano noi.



Avs217



Avs219 



Avs220 



Tra poco le strade diverranno silenziose: nella stanza più bella della casa, il "mafraj" all'ultimo piano, gli yemeniti si dedicano al rito del qat, masticando le foglie più tenere dell'arbusto.



Avs225



Dia301



       Shahara domina l'altopiano, dalla sua imprendibile posizione a 2600 metri. La pista per giungervi, tagliata nel fianco della montagna, ha dell'incredibile, per la ripidità e la tortuosità del suo tracciato, e gli automezzi che la percorrono, sgangherati come sono, non sembrano promettere un felice viaggio. Tuttavia in cima si arriva.


Avs229



Avs230



Dia383 


 
E il mattino dopo la luce dell'alba illumina il famoso ponte, gettato arditamente su uno strapiombo di 300 metri, a collegare, da ormai quasi quattro secoli, Shahara al villaggio arroccato sul monte vicino."


Avs234



Avs236 - Shahara



Avs237 - L'antico ponte a Shahara


(foto di Alfio Cioffi)

Vedi la sesta parte dell'audiovisivo:




.............. continua ..........

Yemen: profumo d'oriente - 7

13-01-2008


Il ricordo dell'antico regno della regina di Saba ci accompagna:



Avs242_bis


"..........la sabbia del deserto ha ingoiato anche il suo antico e verde impero......."


Avs247


"............la diga fu distrutta, e l'acqua travolse tutto..............."


dia167


".........dall'alto di uno dei contrafforti dell'antica diga, il panorama è di un fascino desolante....."


Avs051



dia163


"..... Dell'antico regno restano pochi ruderi di due templi.........."


Avs254


"..............260 km. di asfalto che si inerpica, scende, risale sull'altopiano............"


Avs256



".......................Marib. Appare in lontananza, immobile, nel deserto.................."


Avs257


"............. le sue case color biscotto, arroccate su una piccola altura, sono immerse nel silenzio....."


Avs260


"................ Sembra luogo disabitato, ma poi scorgi.........................."


Avs266



"............. una vita di bambini, intenti a giochi silenziosi...................."


Avs264



".....................piccoli eredi diseredati di un regno grande e lontano."


Avs269



"......................al termine di una lunga pista tra la sabbia, si erge Barakesh..........."


Avs277



"....................le mura, ancora ben conservate...................."


Avs273



".....................difendono il nulla, o quasi."


Avs275



"....................camionette di militari ci girano intorno velocissime.............."


Avs282



"............a Sada'a, la città più a nord...................."


Avs279



"..........al tramonto le porte delle mura vengono chiuse. Nessuno entra, e nessuno esce più."

(foto di Alfio Cioffi)

Vedi la settima parte dell'audiovisivo:




...........continua............

Yemen: profumo d'oriente - 8

16-01-2008



 Il viaggio è ormai concluso. Non restano che struggenti ricordi e una grande nostalgia....



dia151
Alfio e Mara



Avs292



Avs293
Hussein


 
Avs007
Colori e profumi d'oriente


 
Avs005_bis

...in una fredda e brumosa mattina di gennaio.... siamo tornati da un sogno a colori. 


(foto di Alfio Cioffi)

Vedi l'ultima parte dell'audiovisivo:



=========== 0 ===========

"Yemen - Profumo d'oriente" lo trovate pubblicato su Blurb.

Per vedere l'anteprima cliccate qui sotto:



La Galeazza

25-11-2007


C'era tanta luce quel mattino sul mare
L'ho fissata nella memoria
Ne ho intriso la tela

                               
                                                                  
Mareggiata alla Galeazza

 Mareggiata alla Galeazza 
(olio su tela,  35   x  40,  di Alfio Cioffi)





Vento a La Franqui

12-09-2007


Quest'anno a La Franqui c'era un vento favoloso: i primi due giorni quattro/cinque beaufort.

Bisognava stare all'occhio: già un'ala da tre metri ti sollevava da terra. C'era veramente il rischio di volare, nel senso letterale del termine. Dopo il primo tentativo, coronato da un capottamento, tornato a più miti pretese, ho sfoderato il mio vecchio delta, tanto per riprendere un po' di confidenza con un vento tanto..... generoso. Talmente generoso che mi ha permesso poi di usare la mia piccola, nervosissima ala da un metro e mezzo, senza punirmi.

Ma i giorni successivi il discorso è cambiato: i beaufort sono scesi a due/tre e allora si andava a nozze con tre/quattro metri. Io ho voluto osare il Fury da sei metri ma dopo le prime due boline ho subito ridimensionato le mie pretese: non mi divertivo niente!!

Ho dato spazio allora al mio glorioso, vecchio Quadrifoil, che non tradisce mai: ed è stato divertimento puro!


(prima di avviare il video stoppate la colonna sonora, se l'avete avviata, cliccando sul player nella colonna accanto, a destra, sopra le Etichette)






(filmato di Mara Poggi)



Nostalgia del kayak!!

19-08-2007

Questo video è stato tratto dal sito: http://www.daysontheriver.com/

Se amate il kayak, o anche solo meravigliosi paesaggi fluviali, bene, ve lo consiglio.



video



E anche solo la visione di questo film di kayak estremo dà emozioni incredibili!








Che nostalgia!!

Anch'io ho praticato per parecchi anni il kayak fluviale, non certo ai livelli di cui sopra, ma ricavandone comunque fortissime emozioni.

Ricordo le innumerevoli avventure, le scoperte di angoli selvaggi nascosti agli occhi di chiunque altro non avesse l'incoscienza di mettere il culo dentro un guscio di plastica e di affidarlo ad una pagaia. L'abbiamo sempre portato a casa: alle volte ci aiutava lui, ma spesse volte se gli avessimo dato retta (una strizza...) non saremmo scesi.
Le gole, ricordo, mi facevano paura, e invece non bisognava averne. La solitudine assoluta (del gruppo, naturalmente, mai soli!), l'impossibilità di visionare preventivamente il percorso, la consapevolezza che potevi contare esclusivamente sulle forze tue e dei compagni, la certezza di non poter uscire se non quando l'avrebbe deciso il fiume, esigevano una determinazione a tutta prova. Bisognava essere "très chevronnés", come dicevano i francesi (testardi come dei caproni? penso).

Ma quando ne uscivi che gioia!! L'urlo usciva spontaneo, scaricavi la tensione accumulata lungo tutta la discesa. Era come se avessi buttato il tuo corpo al di là della gola: te ne stavi riappropriando.
Che nostalgia!!

Le discese tranquille tra paesaggi mai visti: le selvagge gole dell'Ardeche, l'azzurro Ticino, l'incantevole Scavizzolo,  l'umile Borbera.......

Ma anche le discese mozzafiato del Sesia, delle gorges de Saorge, sul Roya, delle gole del Verdon, dell'Ubaye, della Durance ..... e ancora altri...




Dia333 (18)

                               Le gole dell'Ardeche




Dia333
                                 Ardeche: le Pont d'Arc




Dia333 (41)   
       Le gole del Borbera




Dia333 (112)
          Il Negrone




Dia333 (165)  
        Il Tanaro alto




Dia333 (151)  
        La Stura di Lanzo




dia334         
 Il Pellice alto




Dia333 (124)          
 Il Sesia


Ci tornerò? Non so. Io lo vorrei.




(foto di Bruno Gentile, Adriano Ablatico e Mara Poggi)


continua .........